Immigrazione oltre i luoghi comuni

ll volume Lorenzo Bagnoli e Francesco Floris dell’ Osservatorio sui Diritti Umani “Immigrazione oltre i luoghi comuni. Venti bufale smontate un pezzo alla volta. Per cominciare a parlarne sul serio”, riprende alcuni degli stereotipi più diffusi sui fenomeni migratori, con l’intento  di fornire ai lettori elementi utili, affinchè possano costruirsi una propria opinione.

“Oggi è essenziale ripartire dall’Abc. Dal significato delle parole. Da quali sono i numeri in ballo. Nell’aria c’è talmente tanta confusione che spesso anche chi intuisce che le cose non stanno esattamente così non sa come ribattere. È urgente ridare senso a discorsi usciti da partiti d’osteria o da giornali che soffiano sul fuoco della paura.” Ribadisce Marco Ratti giornalista dell’ Osservatorio sui diritti umani, in riferimento agli obiettivi di questo libro, proseguendo:

Questo testo, per scelta, si rivolge quindi più al cervello che alla pancia. Più alla ragione che all’emozione. È un tentativo di scardinare quel meccanismo perverso che si poggia sulla paura del diverso. Su un sistema ben congegnato, cominciato con la creazione di panzane, cresciuto con la loro diffusione ed esploso con la loro magica trasformazione in verità inossida­bili. Notizie false che hanno poi aiutato chi ne aveva interesse a far scivolare il discorso sempre più in basso. E a sdoganare espressioni d’odio e razziste che circolano ormai in scioltezza tanto sui social quanto nelle chiacchiere tra “gente per bene. […] Per affrontare i grandi temi della migrazione dei nostri tempi: il presunto “assedio”, che dovrebbe spazzarci via tutti; la gestione dell’ospitalità “all’italiana”; quello che sta accadendo nel Mediterraneo; le ricadute economiche dell’immigrazione; le questioni giuridiche a livello nazionale e internazionale. Il tutto corredato da numerosi link, per permet­tere a chiunque di controllare quanto scritto e fornire le fonti per trovare aggiornamenti in futuro.

Per leggere l’articolo per intero clicca qui. 

Per approfondimenti si rinvia alla testata indipendente Osservatorio Diritti.