“Bisognerebbe, in altri termini, diffondere nella nostra società una cultura della salute mentale orientata a superare ogni forma di esclusione sociale, orientata a riconoscere nella fragilità dell’altro la nostra stessa fragilità, una fragilità da accogliere e di cui aver cura”.

di Anna Fava (AFASP – Associazione familiari e amici dei sofferenti psichici)

Clicca qui per l’articolo completo.

Immagine: Pixabay.