Pending è un progetto che si occupa di prevenire, curare e riabilitare il disagio psicologico dei cittadini richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale delle Province di Salerno ed Avellino

Sui due territori insistono numerose strutture di accoglienza che ospitano richiedenti asilo, persone che a causa di condizioni di stress prolungato sono soggette ad una particolare vulnerabilità dovuta a persecuzioni, violenze psicofisiche, torture e tratta, abusi sessuali.

In questo contesto Pending risponde alle nuove sfide, rafforzando le capacità di erogazione dei servizi sanitari attraverso un modello di intervento innovativo e sperimentale che coinvolga attivamente i Soggetti Pubblici del Sistema Sanitario Regionale e i Soggetti coinvolti nell’intero Sistema di accoglienza.

Il buon successo dell’intervento è legato alla costruzione di strategie inclusive che promuovano l’effettiva realizzazione di una società coesa ed interculturale attraverso l’innalzamento della qualità dei servizi coinvolti.

Pending nasce dall’esigenza di creare un modello di intervento innovativo per la tutela della salute mentale dei Richiedenti Asilo e Titolari di Protezione Internazionale che vivono nei territori di Salerno ed Avellino e per garantire un buon livello di inclusione tra tutte le parti sociali, con attenzione ai soggetti pubblici del Sistema Sanitario Regionale e al sistema di accoglienza.

Per favorire percorsi inclusivi e per tutelare la salute della popolazione,  Pending vuole rafforzare le competenze del personale sanitario e dell’accoglienza, offrendo servizi di formazione, mediazione linguistico culturale, e sensibilizzazione.

Nei tre anni di svolgimento delle attività sarà inoltre sperimentato un modello che consentirà di offrire risposte appropriate ai bisogni di salute della popolazione in oggetto elaborando ed esaminando strategie di salute mentale finalizzate alla personalizzazione e alla presa in carico delle persone con fragilità sociale e psicologica.